Epigenetica: Ambiente e Sviluppo del bambino

Ecco gli “appunti in libertà” del terzo incontro del ciclo “Scuola per genitori” (Per rileggere l’articolo precedente, clicca QUI).

Grazie al Prof. Ernesto Burgio, forse il maggior esperto in Italia in questo settore, oggi saremo introdotti ad una delle scoperte scientifiche più importanti degli ultimi anni:” L’EPIGENOMA”. La scoperta del ruolo dell’epigenoma nell’attivazione del patrimonio genetico ha permesso di comprendere le cause e l’origine di molte patologie gravissime (cancro, diabete, autismo, schizofrenia, ecc…) che si stanno diffondendo in maniera preoccupante negli ultimi decenni.
La gravidanza e i primi 2 anni di vita sono i periodi critici per strutturare l’epigenoma e, di conseguenza, per determinare la futura qualità di VITA e di SALUTE del bambino.

Prenditi qualche minuto per leggere questo articolo!

Incontro n. 3: AMBIENTE e SVILUPPO DEL BAMBINO
(Prof. Ernesto Burgio)

…………………………..

Gran parte delle caratteristiche di un individuo sono determinate dal suo patrimonio genetico. Il DNA, formato da cromosomi, è una sorta di memoria che si attiva in modo differenziato in base alle varie funzioni che la cellula deve svolgere. Pochi sanno però che molte delle informazioni del DNA  sono solo “potenziali” e che i cromosomi si esprimono in un senso o in un altro a seconda delle condizioni ambientali in cui l’individuo è immerso. Il DNA infatti, esplica le proprie funzioni rispondendo a una rete di molecole che gli stanno attorno: il cosiddetto “EPIGENOMA”. L’Epigenoma, reagendo alle variazioni chimiche (soprattutto ormonali) causate dalla presenza di stimoli di vario genere (cibo, luce, sostanze inquinanti, rumori, stress, ecc..), e’ il diretto responsabile dell’attivazione di una sequenza di informazione genetica rispetto ad un’altra.

In estrema sintesi, l’ambiente influenza l’epigenoma, l’epigenoma influenza l’attivazione dei cromosomi e l’attivazione di un cromosoma rispetto ad un altro determina in maniera STABILE e PERMANENTE le FUNZIONI e la STORIA DELLA CELLULA.

La scoperta del ruolo dell’epigenoma sta aprendo nuove frontiere nello studio di gravi patologie come il diabete, il cancro, l’alzheimer, la schizofrenia e l’autismo. Tutte patologie che si stanno diffondendo in maniera preoccupante nei paesi industrializzati maggiormente esposti a inquinamento!

L’INSORGENZA DI QUESTE MALATTIE SEMBRA ESSERE STRETTAMENTE CORRELATA ALLE CONDIZIONI AMBIENTALI A CUI IL FETO (tramite la madre) E IL NEONATO SONO ESPOSTI e questo perchè L’EPIGENOMA SI SVILUPPA PROPRIO NEL GREMBO MATERNO e NEI PRIMI 2 ANNI DI VITA.

Gli ultimi due mesi di gestazione, l’allattamento (fondamentale per lo sviluppo del sistema neurologico e immunologico) e i primi due anni di vita (dove si struttura la maggior parte delle connessioni sinaptiche tra neuroni) sono quindi fondamentali per il futuro stato di salute del tuo bambino! Anche se è impossibile eliminare tutti i fattori di rischio, già una riduzione dell’esposizione ad essi (“prevenzione primaria“) può essere importante. E’ fondamentale quindi che il genitore eviti il più possibile l’esposizione del feto e del bambino ai CONTAMINANTI CHIMICI presenti negli ALIMENTI (pesticidi, conservanti, antibiotici e farmaci), nell’ACQUA (pfoas, mercurio, piombo, cromo, contaminanti organici, ecc…)  e nell’ARIA (metalli, pm10, monossido di carbonio, benzene, ecc..).  

SENZA INUTILI ALLARMISMI, ma solo preferendo alimenti biologici e di stagione, controllando le analisi dell’acqua che si beve ed evitando l’esposizione a gas inquinanti, possiamo INFLUIRE POSITIVAMENTE E A LUNGO TERMINE SULLA SALUTE DEI NOSTRI FIGLI e ridurre drasticamente la probabilità di insorgenza di molte gravissime patologie!!

Condividi queste informazioni!

Un abbraccio!
Nicola ed Emanuela
www.giocando-imparo.it

……………………….

SE HAI UN BAMBINO TRA 0 E 5 ANNI,
SCOPRI LE TECNICHE PEDAGOGICHE
PER SVILUPPARE TUTTE
LE SUE DOTI
IN ARMONIOSO EQUILIBRIO!
Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco