Storia di un quarantenne educato con tecniche per l’apprendimento precoce

TESTIMONIANZA di MARCO C.

Carissimo/a, in questo messaggio riportiamo una testimonianza molto importante, ASSOLUTAMENTE VERA E VERIFICABILE, di Marco C., oggi quarantenne, che riporta la sua esperienza di vita dopo aver imparato a leggere e a operare con le quantità in età infantile.

Riteniamo le dichiarazioni di Marco estremamente importanti perché possono essere d’aiuto ai molti genitori che ancora nutrono dubbi sulle reali implicazioni future che possono essere prodotte da una stimolazione sensoriale di un certo livello in età infantile. Abbiamo già trattato questi punti nella presentazione dei corsi ma la storia di Marco, (ripetiamo: assolutamente vera, verificabile e circostanziata!) vale molto di più di semplici indicazioni teoriche!

Il testo sotto riportato riporta lo scambio di mail avvenuto tra noi e Marco, dalle risposte ottenute è scaturita una sorta di intervista veramente molto interessante che ti chiediamo di leggere con attenzione fino in fondo!



Ecco il PRIMO MESSAGGIO inviatoci:

Salve, mia sorella ed io, quasi quarant’anni fa, abbiamo imparato a leggere a poco meno di tre anni lei ed a poco meno di quattro io (c’è un anno di differenza tra noi) grazie ad un metodo che i nostri meravigliosi genitori utilizzarono allora.
Mia sorella saltò la prima elementare e venne direttamente in seconda con me, frequentammo insieme elementari, medie e liceo classico fino all’università dove prendemmo strade diverse.
Le elementari furono una passeggiata e siamo stati sempre i migliori di ogni classe frequentata grazie all’anticipo di preparazione dovuto alla lettura precoce.
Si trattava ….. (omissis)
A presto,
Marco Can…….e


 

Ecco l”INTERVISTA”:

 

1 – Giocando-imparo.it: Ciao Marco, la tua e-mail per noi è molto preziosa: fino ad ora non eravamo ancora riusciti a trovare in Italia una testimonianza di una persona adulta avvicinata nella prima infanzia alla lettura e alla matematica. Sarebbe fantastico per noi e per i nostri utenti avere la possibilità di conoscere la tua storia e l’effetto a lungo termine di certe tecniche educative, anche in un contesto a volte non molto aperto come quello italiano.

Marco: Allora sarò un supertestimonial.

 

2 – Giocando-imparo.it: Puoi descriverci le sensazioni e i ricordi legati ai giochi di apprendimento che facevi?

Marco: Quel che so e ricordo è la sensazione sempre giocosa e divertente che l’approccio all’apprendimento, proposto e mai imposto o forzato dai nostri genitori, era stimolante e utile.
Ricordo un libro molto voluminoso pieno di labirinti da risolvere con la matita, disegnini da abbinare secondo criteri logici, numeri e forme in relazione (p. es. 3 e triangolo, 4 e quadrato, 5 e pentagono, ecc.), associazioni tra parole e tra immagini e tra parole e immagini, oggetti da contare e semplici puzzle da risolvere, molto divertente.
Ricordo anche altri stimoli importanti come un mappamondo luminoso, un’enciclopedia sugli animali e poi soprattutto i nostri stessi genitori.

 

3 – Giocando-imparo.it: Puoi descriverci cosa sapevate fare prima di iniziare le elementari?

Marco: Leggere e scrivere correntemente e correttamente (stampatello maiuscolo/minuscolo e corsivo), contare, sommare, sottrarre e qualche semplice moltiplicazione e divisione. Avevamo un vocabolario molto sviluppato per la nostra età ed una parlantina sciolta, ci piaceva già leggere e curiosare anche su libri non esclusivamente per bambini (enciclopedia, atlante geografico, ecc.)

 

4 – Giocando-imparo.it: Molti genitori si preoccupano pensando che i figli, una volta iniziata la scuola, si annoino, si sentano messi in disparte dai compagni o addirittura dalle maestre che non possono differenziare l’insegnamento per soggetti con particolari capacità e abilità. Qual è la tua esperienza?

Marco: Mai provate situazioni simili: alle elementari mi sono divertito moltissimo e legavo con tutti, con il maestro è stato un rapporto meraviglioso.

 

5 – Giocando-imparo.it: Come avete vissuto la scuola e come sono stati i rapporti personali con compagni ed insegnanti?

Marco: Ottimi, sinceri, profondi, divertenti e durevoli.
Alcuni insegnanti hanno segnato profondamente la nostra esperienza scolastica e in qualche modo anche il resto della nostra vita: per esempio fu in seconda media che la nostra giovanissima professoressa di Matematica e Scienze, neolaureata (biologa), mi propose di leggere un libro sulla clonazione umana (“A sua immagine” di David Rorvik) che non dimenticherò mai (già la sola copertina, con un’immagine di Escher altamente simbolica, era affascinante).
A pensarci era quasi una follia: un libro del genere ad un bambino di 12 anni! Eppure non smetterò mai di ringraziarla per avermelo proposto.
Decisi allora e con una consapevolezza che oggi mi fa sorridere, perché era vera, che avrei studiato biologia.
E così feci.

 

6 – Giocando-imparo.it: Quali sono i vantaggi che avete notato rispetto a chi non ha fatto il vostro percorso?

Marco: Come ho detto, le elementari sono state una passeggiata, ma mai noiose grazie ad un maestro eccezionale, in grado di seguire ognuno secondo le sue capacità individuali (ed eravamo 33!) e allo stesso tempo di creare affiatamento e solidarietà tra compagni.

Alle medie siamo stati inquadrati subito dagli insegnanti come elementi dotati, capaci, volenterosi e molto più preparati ed avanti della media, così siamo stati sempre i migliori della nostra classe durante il triennio. Anche le medie sono state un periodo divertente, sereno, stimolante e piacevole, sia per quanto riguarda la scuola sia per quanto riguarda i compagni e le amicizie.

Abbiamo frequentato un pre-corso introduttivo di Latino e Greco durante il secondo e terzo anno, poiché avevamo già deciso (noi, d’accordo con i nostri genitori naturalmente, ma la scelta venne proprio da noi) che avremmo scelto il Liceo Classico.
Il Liceo è stato duro, ovviamente, ma senza difficoltà.
Ottimi risultati, a partire dal primo anno, sulla scorta della preparazione nelle lingue classiche.

Durante gli anni dell’Università ho imparato l’inglese da solo.

 

7 – Giocando-imparo.it: Per quanto tempo questi vantaggi si sono protratti? Solo nei primi anni di scuola o anche dopo?

Marco: Credo proprio che una sorta di eco lontano continui a riflettersi sull’intera nostra vita, avendo determinato inizialmente la caduta del primo di una serie infinita di tasselli da Domino allineati in successione… 🙂

Mi sono infatti poi laureato in Biologia Medica presso la Facoltà di Scienze dell’Università di Torino, con una tesi di ricerca sperimentale durata due anni e condotta come allievo interno del Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana della Facoltà di Medicina e Chirurgia, sempre a Torino, in una équipe di lavoro con cui ho pubblicato articoli su riviste scientifiche specializzate ancor prima della Laurea (Excerpta Medica, Journal of Neuroanatomy, Science, International Journal of Developmental Neuroscience, ed altri) ed ho preso parte anche come relatore ad importanti convegni scientifici, a fianco di personalità come Dulbecco e Montalcini.

Ma è importante aggiungere che durante gli anni dell’Università insegnavo nuoto in piscina (avevo ottenuto durante gli anni del liceo il brevetto da assistente bagnanti e da istruttore), davo ripetizioni di Latino, Greco e Matematica a liceali due o tre volte a settimana, amavo la musica suonavo in due gruppi musicali ed avevo già un mio piccolo studio di registrazione, d’estate lavoravo per almeno due mesi nei soggiorni di vacanza Telecom per i figli dei dipendenti, prima come animatore e poi come responsabile, guadagnandomi da solo tutto ciò che mi serviva per studiare e togliermi le voglie dell’età (mi comprai da solo una moto) e infine d’inverno andavo a sciare il più possibile (avevo imparato a quattro anni, sì, anche questo!).

Ma prima di laurearmi frequentai un corso di tecniche mnemoniche e un corso di lettura veloce, preparai l’esame di Biochimica in una settimana e lo superai con 29/30, sostenni l’ultimo esame del corso di studi il giorno prima di presentarmi alle selezioni per il corso da Tecnico del Suono presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo, che superai.
Frequentai il corso, della durata di quasi un anno (otto ore al giorno di teoria e pratica, tutti i giorni, per sei mesi) vivendo là, e poi tre mesi di stage in aziende del settore.
Chi superava le selezioni iniziali (circa 250 candidati per 12 posti) ed accedeva al corso aveva la residenzialità gratuita presso la struttura, il corso ed il materiale didattico gratuiti e veniva addirittura pagato (all’epoca 700.000 Lire al mese per frequentare, nel 1992!).
Poi tornai a Torino e preparai la Tesi di Laurea. Intanto svolgevo il Servizio Civile.
Ma lavoravo già parecchio come fonico e tecnico del suono, la mia insegnante e relatrice mi chiamava Dr. Jekill & Mr. Hyde e sperava tanto che non avrei scelto la musica tra le due staffe in cui tenevo i piedi da tempo, avevo già in tasca un dottorato di ricerca se soltanto avessi deciso in quella direzione.
E non fu una scelta facile: il problema delle scelte e che implicano sempre la rinuncia a qualcosa…

Sono diventato un Tecnico del Suono, ho lavorato in molte aziende e dal vivo (più di 500 concerti in tutta Europa), ho un mio studio di registrazione e mastering digitale, ho realizzato produzioni di livello internazionale (come la sigla di apertura delle trasmissioni televisive per le Olimpiadi di Torino 2006).

Ma soprattutto: oggi sono l’insegnante principale dei corsi tecnici presso quella stessa Scuola di Alto Perfezionamento Musicale, a Saluzzo.

Da dodici anni infatti insegno Informatica Musicale e Tecniche di Registrazione e di Missaggio, coordino gli insegnanti e la didattica e mi occupo della gestione tecnica e logistica dei corsi.

Sono sposato con una fantastica donna araba da sedici anni e da due e mezzo abbiamo un figlio meraviglioso.

Non è tutto esclusivo merito dell’apprendimento precoce, naturalmente, ma determinato da… Sicuramente!

 

8 – Giocando-imparo.it: Le vostre capacità vi hanno in qualche modo ostacolato nel creare amicizie con i coetanei o, invece, sono state utili a creare una cerchia di amici … “di qualità”?

Marco: Non l’una e non l’altra cosa: le nostre amicizie, credo quasi tutte, sono sempre state determinate da aspetti relativi al carattere, alla personalità, alla condivisione di passioni e desideri, e poco o nulla relativamente alla nostra preparazione o cultura. Come credo accada per la maggior parte delle persone.

 

9 – Giocando-imparo.it: … per noi è stato bello sentirti definire “meravigliosi” i tuoi genitori, puoi descrivere meglio anche questo?;

Marco: Non so che cos’altro dire, perché non c’è niente da aggiungere a questa semplice considerazione attuale, guardandomi indietro: ho avuto genitori meravigliosi!



CHE SOGNO SE TUTTI I GENITORI
POTESSERO ESSERE DEFINITI
“MERAVIGLIOSI” DAI LORO FIGLI!!

 SCOPRI, CON IL NOSTRO AIUTO,
COME RENDERE TUTTO QUESTO POSSIBILE
CON IL TUO BAMBINO!
!

.

.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco